RECENSIONE | "Il rinomato catalogo di Walker e Dawn" di Davide Morosinotto

Titolo: Il rinomato catalogo di Walker e Dawn | Autore: Davide Morosinotto | Pagine: 321 p. | Anno edizione: 2016 | Editore: Mondadori | Formato: brossura/ebook/rilegato | Prezzo di copertina: 11,00 € (brossura)


Sono sorpreso quanto voi nel vedere pubblicato questo articolo. Ma come avevo precedentemente detto, avrei ripreso a scrivere nel momento in cui avrei assaporato una di quelle storie che lasciano un segno, ed ecco il motivo per cui state leggendo questo. Non so se sono realmente tornato, ma volevo condividere con voi le emozioni che questa storia meravigliosa ha saputo regalarmi. Perciò, bande alle cencie, partiamo con la recensione.


      







Trama: Louisiana, 1904 Te Trois, Eddie, Tit e Julie non potrebbero essere più diversi, e neppure più amici. In comune hanno un catalogo di vendita per corrispondenza, tre dollari da spendere e una gran voglia di scoprire il mondo. E quando, anziché la rivoltella che hanno ordinato, arriva un vecchio orologio che nemmeno funziona, i quattro non ci pensano due volte e partono verso Chicago, per farselo cambiare. Fra un treno merci e un battello a vapore sul Mississippi, si troveranno alle prese con un cadavere nelle sabbie mobili, imbroglioni e bari di professione, poliziotti corrotti, cattivi che sembrano buoni e buoni che non lo sono affatto... per non parlare di un delitto irrisolto e di molti, molti soldi! Un'avventura con quattro protagonisti che avrebbero potuto essere i migliori amici di Tom Sawyer.


Cosa stava per succederci? Non ne avevo idea. Non avevo mai viaggiato prima d'ora, quindi non sapevo cosa accade al termine di un viaggio. Forse niente. Forse ci si riposa e basta. O forse si prende la rincorsa per cominciare un altro viaggio.


Non so bene da dove partire nel raccontarvi la storia che racchiude questo romanzo. Potrei cominciare con il dirvi che dovete assolutamente leggerlo, perché è una di quelle storie che devono essere lette, ascoltate, condivise. Potrei dirvi che questa storia racchiude in sé tanti aspetti, più o meno celati, più o meno importanti, più o meno significativi per voi. Potrei dirvi che leggendo questa storia ho riso, mi sono arrabbiato, spaventato, fatto prendere dal panico e dall'ansia. Leggendo questo libro ho pianto e mi sono sentito svuotato, come solo una storia che ti entra dentro può riuscire a fare. Potrei dirvi tante altre cose, ma credo che stia a voi scoprirle una a una.

All'inizio della lettura, questo romanzo mi ha ricordato moltissimo Le avventure di Yom Sawyer di Mark Twain (tanto che all'interno dello stesso romanzo c'è un esplicito riferimento). Dopotutto, almeno per la prima parte del romanzo, la storia è ambientata in Louisiana, più precisamente nel Bayou, e i quattro protagonisti attraversano il Mississippi su un battello. Certo, non lo fanno con una barca improvvisata, ma tant'è. Mi aspettavo infatti una storia simile, un romanzo di formazione di stampo classico quale è Tom Sawyer, ma così non è stato. E per fortuna.
Il rinomato catalogo di Walker e Dawn potrebbe in effetti essere considerato come un romanzo di formazione, ma è in realtà molto di più. Al suo interno vengono trattati moltissimi temi, talvolta delicati (prostituzione, razzismo, autismo, pregiudizi sociali, solo per citarne alcuni), spogliati però da inutili edulcorazioni tipiche di quando vengono trattati. Davide Morosinotto lo fa con estremo realismo, senza però appesantire la storia.

Tit, Julie, Eddie e Te Trois sono personaggi indimenticabili, dotati di una caratterizzazione che li rende reali e tangibili, di cui difficilmente non si sentirà la mancanza. Ho amato tutti loro, nutrendo un particolare affetto per Julie, una ragazzina dotata di una forza sorprendente, cresciuta troppo in fretta e con un'anima frastagliata. Ho ammirato il suo coraggio e la sua forza, la sua intraprendenza e la sua tenacia, nonostante il dolore attanagliante che nasconde dentro di sé.
Ho amato moltissimo anche il suo fratellino, Tit, diminutivo di "petit" perché il più piccolo del gruppo. Piccolo nella forma, ma grande al suo interno, dove nasconde un mondo accessibile solo a pochi eletti. Nonostante Tit parli raramente durante la storia, la sua presenza, all'interno del gruppo, era rassicurante e fondamentale.

Le atmosfere e le caratteristiche di un tempo lontano dal nostro come gli inizi del '900 ci vengono mostrate anche attraverso le meravigliose illustrazioni ad ogni inizio capitolo: pubblicità e descrizioni di oggetti e abiti in uso ai primi del Novecento, cartine e mappe dei territori attraversati e dei percorsi, nonché informazioni e curiosità, ritagli di giornale, fotografie...
Non fatevi però ingannare dalle illustrazioni o dalla copertina del libro. Questo non è un romanzo per ragazzi come ci si aspetterebbe, o almeno, non solo. Davide Morosinotto cela infatti piccoli indizi che solo una persona adulta (o comunque più ricca di esperienze) riesce a cogliere. Lo fa con estrema sensibilità ma senza inutili fronzoli.

Quella de Il rinomato catalogo di Walker e Dawn è una storia che vi farà attraversare gli Stati Uniti: si partirà dal paludoso Bayou, passando per Menphis, Cairo, Saint Louis, fino ad arrivare alla destinazione finale di Chicago. Sarà un viaggio avventuroso e pericoloso, che a volte vi farà trattenere il fiato per la tensione, altre volte vi farà tirare un sospiro di sollievo. Ci saranno parti del viaggio divertenti e sorprendenti, altre in cui vi commuoverete e arrabbierete. Arriverete a destinazione stanchi ma felici, non senza qualche cicatrice, ma che fanno parte del viaggio e si sa, sono da mettere in conto. E, come tutti i viaggi, vi cambierà. Forse lo farà silenziosamente e in modo impercettibile, ma lo farà. Statene certi. 

 VOTO:


A presto, Viandanti


Posta un commento

10 Commenti

  1. Bel ritorno, sia per poco o per molto, ne valeva la pena.
    Un abbraccio
    Stefi

    RispondiElimina
  2. Bentornato!!! E questo libro mi ispira davvero moltissimo :)

    RispondiElimina
  3. Ciao Midori!!!
    Sono così felice di vedere questo post. Inizialmente mi sono chiesta se fosse vero o se non fossi io ad immaginarmelo, perché lo aspettavo. Bentornato, per il momento💙
    E che recensione strepitosa, dalle tue parole si percepisce come la storia ti abbia colpito profondamente e questo la rende ancora più piacevole da leggere.
    In genere mi tengo un po' alla larga dai libri per ragazzi, ma dato che hai sostenuto che c'è molto di più, potrei fare un'eccezione.
    Inoltre sono sempre in cerca di dei personaggi ben caratterizzati, perché è proprio su di essi che si basa buona parte del mio grado di apprezzamento per un libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martha, bentrovata! Sei sempre gentilissima. Grazie davvero per le tue parole. 🖤
      Dai una possibilità al catalogo, non te ne pentirai!

      Elimina
  4. Mi ha attirato prima la copertina, splendida, e poi le tue parole hanno fatto il resto.
    Bentrovato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo sulla copertina, ammetto che ha attratto moltissimo anche me durante l'acquisto!
      Grazie mille 🖤

      Elimina
  5. Uhhh, sono contenta che ti sia piaciuto, io l'ho preso secoli fa all'usato ma - pensa che strano - non l'ho ancora letto. Mi preoccupa un po' l'epoca, diciamo che l'inizio '900 non è tra quelle che mi affascinano particolarmente, la trama però sembra bellina :)

    RispondiElimina